AIV - Associazione di Valutazione Italiana

Programma di mandato 2017 - 2020

Care socie e cari soci,

 

subito dopo l’elezione il Direttivo dell’AIV si è messo al lavoro per preparare il programma triennale che travate di seguito.

 

Il programma è centrato su quattro obiettivi coerenti con la missione dell’Associazione e si declina in azioni che attendono di essere arricchite dalle vostre proposte. Intendiamo infatti coinvolgere il numero più ampio possibile di socie e di soci, sempre garantendo la trasparenza delle attività associative: due principi che non hanno nulla di ideologico, ma che sono piuttosto condizioni necessarie per una governance efficace. Crediamo infatti che un’associazione di promozione culturale come la nostra possa dirsi efficace solo se è in grado di arricchire il potenziale espresso dai propri soci e dalle relazioni che ciascuno di essi porta con sé. L’idea, in sostanza, è quella di fare di ognuno di noi un promoter del dibattito sulla valutazione, e dell’Associazione stessa un luogo di confronto tra persone e punti di vista su un tema che ha molto a che fare con l’agire democratico del nostro Paese.

 

È una responsabilità che l’AIV dovrà assumersi con ancor più vigore nei prossimi anni, ponendosi come soggetto promotore di una cultura della valutazione competente, attenta ai contesti, aperta e pluralista. Dovremo quindi essere in grado di promuovere e patrocinare dibattiti e confronti interessanti ed attuali, proporre e condividere occasioni formative di qualità, potenziare la nostra abilità comunicativa, favorire lo sviluppo di professionalità di livello per il mercato della valutazione.

 

In una prospettiva pluralista e aperta alle sollecitazioni dei numerosi soggetti che ruotano intorno alla valutazione, vorremmo che l’Associazione divenisse un luogo di confronto attrattivo per una platea vasta e diversificata di soggetti, dagli studiosi ai valutatori professionisti, dai committenti pubblici a quelli privati, dalle comunità organizzate ai singoli cittadini. AIV dovrebbe poter offrire un quadro valutativo teorico e pratico chiaro e comprensibile, semplice ma non semplicistico, e soprattutto utile affinché la valutazione possa contribuire davvero alla crescita del bene comune.

 

Siamo del resto consapevoli che, in questo vasto panorama, la pubblica amministrazione rappresenti un interlocutore fondamentale, che chiede di essere sempre più coinvolto nel merito e nel metodo delle scelte valutative e con cui è necessario intessere un dialogo sistematico. E questo a maggior ragione quando sono in corso modifiche importanti delle regole di fondo e delle cornici generali che orientano il ruolo della valutazione e il possibile contributo dei valutatori.

 

L’ambizione di questo Direttivo è portare l’AIV a intercettare e comprendere la complessità delle voci che oggi intervengono nei dibattiti sulla valutazione, per evitare che vecchi e noti errori si ripetano continuamente, disperdendo immancabilmente energie e risorse pubbliche.

 

La proposta che avanziamo ai Gruppi Tematici esistenti e a quelli che vorranno costituirsi è di continuare a spaziare liberamente nella riflessione e nella messa in opera di interventi concreti sui temi intorno ai quali sono nati, ma con un obiettivo comune: portare in AIV le questioni più rilevanti in corso nel dibattito nazionale, garantendo al contempo massima apertura alle esperienze e alle riflessioni provenienti dall’estero.

 

Una proposta che siamo certi condividerete, perché se c’è una cosa che accomuna i soci che hanno animato l’AIV in questi 20 anni, questa è sicuramente l’irrefrenabile passione per il cambiamento.

 

Il Direttivo AIV

 

Erica Melloni (Presidente), Pina De Angelis, Michela Freddano, Vincenzo Fucilli (Tesoriere), Veronica Lo Presti (Segretario), Adriano Scaletta, Vincenzo Lorenzini

 

Scarica il PROGRAMMA DI MANDATO 2017 - 2020

AIV c\o Studio Associato Tora VinciGuerra - Via Garibaldi 99 00047 Marino (RM)